Associazione Agenti e Rappresentanti di Commercio di Milano

Fnaarc Milano > Collaborazione volontaria – Chiarimenti – Circolare dell’Agenzia delle entrate n. 21 del 21 luglio 2017

Archivio: luglio, 2017

Redazione - Milano, 28 luglio 2017
Redazione

Collaborazione volontaria – Chiarimenti – Circolare dell’Agenzia delle entrate n. 21 del 21 luglio 2017

Forniti ulteriori ed importanti chiarimenti in materia di collaborazione volontaria.

L’Agenzia delle entrate ha pubblicato la circolare n. 21 del 20 luglio 2017, recante: ”Modifiche alla disciplina della voluntary disclosure recate dall’articolo 1-ter del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50 nel testo modificato in sede di conversione dalla legge 21 giugno 2017 n. 96”.

Si ricorda che i contribuenti che decidono di rimediare spontaneamente alle omissioni e alle irregolarità commesse fino al 30 settembre 2016 in materia di detenzione di attività finanziarie possono avvalersi, entro il 31 luglio 2017, della riapertura dei termini per l’accesso alla procedura di collaborazione volontaria per l’emersione e il rientro di capitali.

Con la circolare in esame l’Agenzia delle entrate ha fornito ulteriori chiarimenti in materia di “collaborazione volontaria” (c.d. voluntary disclosure).

Doppie imposizioni

In particolare, chi aderisce alla voluntary disclosure bis può detrarre le imposte pagate all’estero a titolo definitivo relative a redditi di lavoro dipendente e autonomo in caso di omessa presentazione della dichiarazione o di omessa indicazione dei citati redditi esteri.

Si tratta di quei casi in cui il contribuente non ha presentato la dichiarazione dei redditi in Italia ma ha correttamente adempiuto agli obblighi fiscali nel Paese dove ha svolto attività lavorativa.

La suddetta possibilità di detrarre le imposte pagate all’estero vale anche per gli atti non ancora definiti emanati nell’ambito della precedente edizione della voluntary.

IVIE e IVAFE

Il contribuente, che accetta la procedura di collaborazione volontaria bis è esonerato da alcuni obblighi dichiarativi, tra cui quelli relativi al monitoraggio fiscale.

L’esenzione è valida limitatamente al 2016 e alla frazione del periodo d’imposta antecedente la data di presentazione dell’istanza di collaborazione volontaria.

In base al Dl n. 50/2017, chi aderisce alla nuova procedura non è tenuto a dichiarare nemmeno l’imposta sul valore degli immobili situati all’estero (IVIE) e quella sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero (IVAFE).

In questo modo è stato reso omogeneo l’esonero per tutti gli obblighi dichiarativi connessi alla mera detenzione all’estero di attività sia finanziarie che patrimoniali, a prescindere dalla maturazione sulle stesse di eventuali redditi.

Sanzioni per versamento carente

Nel caso in cui il versamento spontaneo effettuato dal contribuente sia carente, la disciplina della voluntary disclosure prevede l’applicazione di maggiorazioni sugli importi dovuti.

In base alla nuova normativa, l’importo totale ottenuto a seguito delle operazioni di maggiorazione, compreso quanto già versato, non può in nessun caso essere superiore rispetto a quanto sarebbe dovuto in caso di mancata autoliquidazione da parte del contribuente.

Redazione - Milano, 28 luglio 2017
Redazione

Corsi di formazione pensati per Te!

Catalogo settembre-dicembre 2017

 

Le ferie si stanno avvicinando, ma questo può essere il momento giusto per segnare sul tuo calendario le date dei prossimi corsi di formazione pensati appositamente per gli agenti di commercio.

Una concreta opportunità, grazie anche alla possibilità di utilizzare il contributo, messo direttamente a tua disposizione da Fondazione Enasarco, a copertura del 50% della spesa da te sostenuta per la tua formazione professionale. I corsi, infatti, sono erogati da Scuola Superiore del Commercio del Turismo e Servizi, Ente accreditato da Enasarco.

Tante aree formative, che hanno in comune un unico obiettivo: incrementare le tue competenze perché tu possa fare un salto di qualità!!

Per maggiori informazioni, scarica il catalogo dei corsi e la scheda di iscrizione.

I nostri uffici sono a tua disposizione fin d’ora per qualsiasi approfondimento sui corsi ed in particolare sulla procedura di richiesta dei contributi Enasarco.

Contattaci al numero 02.76.45.19.1 o inviaci un’email a segreteria@fnaarc.milano.it.

Redazione - Milano, 28 luglio 2017
Redazione

Chi ha aderito alla definizione agevolata dei ruoli tributari (la c.d. rottamazione delle cartelle) può decidere quali debiti pagare grazie al nuovo servizio web ContiTu.

In materia di rottamazione delle cartelle, l’Agenzia delle Entrate-riscossione ha reso noto quanto segue.

Nuovo servizio web ContiTu

A decorrere dal 10 luglio 2017, è attivo il nuovo servizio web ContiTu, grazie al quale tutti coloro che hanno aderito alla definizione agevolata (c.d. “rottamazione delle cartelle”) possono decidere quali debiti pagare.

Collegandosi al portale: www.agenziaentrateriscossione.gov.it, il contribuente potrà scegliere di “rottamare” solo alcune delle cartelle e degli avvisi indicati nella comunicazione formale inviata agli interessati entro il 15 giugno 2017.

La comunicazione è disponibile, a partire dal 16 giugno 2017, nell’area riservata del portale e può essere richiesta in copia anche nell’area pubblica, senza la necessità di pin e password.

Il nuovo servizio on-line di Agenzia delle Entrate-Riscossione è un ulteriore strumento per supportare i contribuenti interessati alla definizione agevolata in vista della scadenza del 31 luglio 2017, fissata dalla legge, per il primo pagamento degli importi rottamati.

Il contribuente, che ha indicato nella sua richiesta più cartelle o più avvisi, entro il 31 luglio 2017, potrà decidere e scegliere quali effettivamente pagare, consapevole che i debiti non pagati, come previsto dalle norme che regolano la definizione agevolata, rientreranno nelle procedure obbligatorie della riscossione ordinaria.

Questa nuova funzionalità potrà essere utilizzata anche da coloro che avessero ricevuto una comunicazione contenente cartelle/avvisi che non avevano inserito nella loro dichiarazione: accedendo, infatti, al nuovo servizio potranno richiedere i RAV per le sole cartelle/avvisi che avevano indicato nella loro richiesta.

Restano invariate tutte le altre indicazioni che il contribuente ha inserito nella domanda (modello DA1) di definizione agevolata e cioè:

  • il numero delle rate prescelte (o una sola);
  • gli estremi relativi ai dati personali.

Per usufruire del servizio web ContiTu sarà necessario compilare il modulo on-line e specificare le cartelle/avvisi che si intendono pagare.

Il servizio calcolerà l’importo di ciascuna rata ed anche il totale.

Dopo aver confermato la scelta, Agenzia delle Entrate-Riscossione invierà i nuovi bollettini RAV con cui sarà possibile effettuare il pagamento entro le scadenze previste.

Comunicazione somme dovute

Sul sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it, è attivo un nuovo servizio web tramite il quale è possibile richiedere on-line la copia della comunicazione inviata ai contribuenti in risposta alla richiesta di definizione agevolata in esame.

Si ricorda che la copia della comunicazione era già disponibile dal 16 giugno 2017, nell’area riservata, ma ora è disponibile anche nell’area pubblica del sito dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione senza, quindi, necessità di inserire pin e password.

È sufficiente, infatti, compilare il form “Richiesta comunicazione” presente nella sezione del sito dedicata alla definizione agevolata. Basta inserire il proprio codice fiscale, allegare la documentazione necessaria al riconoscimento ed indicare la casella e-mail dove si desidera ricevere la comunicazione.

La “Comunicazione delle somme dovute”, così si chiama la lettera che informa sull’accoglimento o l’eventuale rigetto della definizione agevolata, è stata già inviata per posta raccomandata o attraverso la posta elettronica certificata per chi ha indicato, al momento della richiesta di rottamazione di cartelle e avvisi, l’indirizzo di PEC sul modulo di adesione.

Redazione - Milano, 27 luglio 2017
Redazione

Lavoratori autonomi – Titolari reddito d’impresa – IRAP – IVA – Versamenti –

Proroga - Comunicato stampa del Ministero dell’economia e delle finanze n° 131 del 26 luglio 2017

Dal 21 luglio 2017 al 20 agosto 2017 anche i lavoratori autonomi potranno effettuare i versamenti delle imposte con la maggiorazione, a titolo di interesse, pari allo 0,40%. Annunciata la proroga al 31 ottobre 2017 del termine per la presentazione del modello 770 e delle dichiarazioni in materia di imposte sui redditi e di IRAP.

Il Ministero dell’economia e delle finanze ha diramato il comunicato stampa n° 131 del 26 luglio 2017, con il quale ha annunciato che dal 21 luglio 2017 al 20 agosto 2017 anche i lavoratori autonomi potranno effettuare i versamenti delle imposte con una lieve maggiorazione, a titolo di interesse, pari allo 0,40 per cento.

Il nuovo termine verrà formalizzato con un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) su proposta del Ministro dell’Economia e delle Finanze che sarà firmato nei prossimi giorni.

Il DPCM uniformerà il trattamento tra titolari di reddito di impresa e titolari di reddito di lavoro autonomo.

In particolare, i versamenti interessati dalla nuova scadenza sono quelli derivanti dalla dichiarazione dei redditi, dalla dichiarazione Irap e dalla dichiarazione in materia di imposta sul valore aggiunto di imprenditori e lavoratori autonomi.

Con un altro DPCM, in dirittura d’arrivo, sarà  prorogato al 31 ottobre 2017 il termine per la presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta (modello 770) e delle dichiarazioni in materia di imposte sui redditi e di Irap.

Redazione - Milano, 25 luglio 2017
Redazione

Convenzione parcheggi SEA

parking Linate, Malpensa, e Orio al Serio

 

Una convenzione molto vantaggiosa e utile in questo periodo!!

Se sei un associato, hai l’opportunità di usufruire dello sconto fino al 44% sui parcheggi degli aeroporti milanesi (in base al numero di giorni di sosta e al parcheggio prescelto).

Per conoscere nel dettaglio la scontistica e per ricevere il documento necessario per usufruire dello sconto, da consegnare alla cassa presidiata presente nei parcheggi, inviaci una richiesta a segreteria@fnaarc.milano.it.

Alcuni dettagli:

Il giorno di uscita dal parcheggio, prima di ritirare l’auto, dovrai recarti alla cassa parcheggi presidiata, presentare il ticket d’ingresso ritirato alla colonnina del parcheggio, il voucher che trova in allegato ed un documento rappresentativo; una volta saldato il parcheggio, il cassiere consegnerà il ticket di uscita.

Segnaliamo che le tariffe convenzionate NON sono applicabili in caso di accesso al parcheggio dalle corsie TELEPASS, e che non è possibile effettuare il pagamento presso le casse automatiche.

Redazione - Milano, 25 luglio 2017
Redazione

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il D.P.C.M. contenente la proroga al 20 luglio 2017 del termine per i versamenti a saldo 2016 e in acconto per l’anno 2017 per i titolari di reddito d’impresa.

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 169 del 21 luglio 2017 è stato pubblicato il D.P.C.M. del 20 luglio 2017, recante: “Differimento del termine di versamento delle imposte sui redditi”.

Il provvedimento in esame ha confermato quanto già annunciato dal comunicato stampa del 20 luglio 2017 (vedi ns. notizia del 19/07/2017), cioè la proroga al 20 luglio 2017, per i titolari di reddito d’impresa del termine per effettuare i versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta 2016, nonché la prima rata dell’acconto dell’imposta sui redditi relativa al periodo d’imposta successivo.

Dal 21 luglio e fino al 20 agosto 2017 i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione, a titolo di interesse, pari allo 0,40 per cento.

Redazione - Milano, 21 luglio 2017
Redazione

Uso del cellulare alla guida, in arrivo la rivoluzione: fino a 6 mesi di sospensione della patente

Si inaspriscono le pene per chiunque viene colto a usare il cellulare mentre guida. Multe salatissime e sospensione della patente fino a 6 mesi
Guida mentre usa il telefono - credit: immagine

Guida mentre usa il telefono – credit: immagine

Tutti sappiamo che non è buona abitudine usare il cellulare mentre si guida. Eppure sono ancora tante le persone che non riescono a fare a meno di questo vizio pericoloso, per se e per gli altri.
Ma oggi le cose possono cambiare radicalmente. Dopo la “linea morbida” che il governo ha applicato in materia, è finalmente in arrivo la sospensione della patente già dalla prima infrazione e il raddoppio delle multe. Significa che chiunque venga colto in flagrante mentre usa il cellulare alla guida, anche per la prima volta, rischia una sanzione amministrativa che va da 322 a 1294 euro, che aumenta da 644 a 2588 per chi viene “beccato” una seconda volta.
Ma non solo, perché arriva anche la sospensione immediata della patente: da 1 a 3 mesi per chi viene multato la prima volta, e in caso di recidiva di arriva da 2 a 6 mesi. A questi si unisce la decurtazione dei punti della patente: 5 per la prima volta, e 10 per la seconda volta.
La commissione trasporti della camera dei deputati ha infatti inserito un emendamento alle modifiche dell’articolo 173 del Codice della Strada, che rende di nuovo più dura la pena per chi guida mentre usa il cellulare. La modifica, spianata dal vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Riccardo Nencini, è ora nero su bianco.
Per evitare di incappare in una delle sanzioni listate sopra, invitiamo gli agenti di commercio ad avere un comportamento in linea con le regole del Codice della Strada, e, soprattutto, di usare i tanti device presenti sul mercato per gestire le telefonate e i messaggi in entrata e in uscita.
Ricerca Agenti - Milano, 21 luglio 2017
Ricerca Agenti

Per incrementare la vendita dei nostri servizi reali di Marketing Operativo alle imprese italiane Ricerchiamo Agenti di Commercio che siano introdotti…

Visualizza questo Annuncio Cerco Agenti di Commercio Marketing e Consulenza

Redazione - Milano, 20 luglio 2017
Redazione

L’area C di Milano – credit: immagine

Gli agenti di commercio che operano nell’area di Milano, hanno la possibilità di entrare nell’Area C pagando 3 euro anzichè 5.

Per avere lo sconto, è necessario registrare la propria auto come “veicolo di servizio” adibito al trasporto di persone . Tale registrazione consente di accedere in area C ad una tariffa di 3€ anziché di 5€.

Ricordiamo che i nostri uffici sono a disposizione dei Soci per fornire supporto nella pratica di registrazione.

I nuovi provvedimenti e le relative agevolazioni in vigore dal 13 febbraio:

1. Vietato l’accesso in Area C ai veicoli Euro 4 diesel senza filtro antiparticolato (Fap) con alcune deroghe:

–       i “veicoli di servizio” (quindi veicoli di agenti di commercio se registrati) potranno accedere all’Area C fino al 17.10.2017

–        i residenti all’interno di Area C  fino al 14.10.2018

2. I veicoli alimentati Gpl, metano potranno accedere in Area C previo pagamento del ticket di 5 Euro o di 3€ grazie alle agevolazioni previste per i “veicoli di servizio”

Per informazione, dalle ore 8.00 alle ore 10.00 sarà vietato l’accesso per i veicoli immatricolati merci, fatta esclusione dei veicoli elettrici.  Si tratta di una fase sperimentale che avrà durata di quattro mesi.

Per maggiori informazioni, e per supporto nella pratica di registrazione, i nostri uffici sono a vostra disposizione.

Redazione - Milano, 19 luglio 2017
Redazione

Titolari reddito d’impresa – Dichiarazione dei redditi – Versamenti – Proroga –

Comunicato stampa del Ministero dell’economia e delle finanze n. 125 del 20 luglio 2017

Prorogato al 20 luglio 2017 il termine per i versamenti a saldo 2016 e in acconto per l’anno 2017 per i titolari di reddito d’impresa.

Il Ministero dell’economia e delle finanze ha diramato il comunicato stampa n. 125 del 20 luglio 2017, con il quale ha annunciato, a tempo scaduto,  la proroga al 20 luglio 2017, per i titolari di reddito d’impresa e, quindi, anche per i soci a cui è attribuito il reddito della società partecipata ai sensi degli articoli 5, 115 e 116,TUIR, del termine per effettuare i versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta 2016 e il versamento del primo acconto.

Dal 21 luglio e fino al 20 agosto 2017 i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione, a titolo di interesse, pari allo 0,40 per cento.

La suddetta proroga è contenuta nel decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’Economia e delle Finanze, che è stato firmato ed è in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.