Associazione Agenti e Rappresentanti di Commercio di Milano

Fnaarc Milano > Regolamento

Regolamento

(Approvato dal Consiglio Direttivo nella riunione del 27 luglio 1976)

Art. 1

Possono far parte dell’Associazione tutti gli Agenti e Rappresentanti in attività ed in
pensione, in conformità a quanto sancito dall’art. 4 dello Statuto.
La domanda d’iscrizione, non contestata dal Consiglio Direttivo entro 30 giorni, s’intende
accettata.
La mancata accettazione comporta la restituzione della somma pagata.

Art. 2

A seconda dell’attività svolta i soci vengono raggruppati nelle seguenti categorie
merceologiche:

1. Alimentari:
a) Alimentari in genere (solidi)
b) Vini – Liquori – Acque gasate- Bevande (liquidi)
c) Dolciari

2. Elettrotecnica ed Elettronica

a) Apparecchiature elettriche – Materiale elettrico – Illuminazione
b) Elettrodomestici – Radio – TV – Dischi – Strumenti musicali – Elettroacustica – Condizionamento
c) Elettronica

3. Casalinghi – Ferramenta – Cartoleria – Cancelleria

a) Casalinghi – Porcellane – Ceramiche – Argenterie – Articoli per fumatori – Articoli da regalo – Articoli promozionali
b) Ferramenta – Utensileria
c) Cartoleria – Cancelleria – Materiale e Macchine ufficio

4. Ottica – Fotografia – Strumenti di precisione – Orologeria

a) Ottica – Optometria – Audiovisivi – Fotografia
b) Bilance e strumenti di precisione
c) Orologeria

5. Arredamento

a) Mobili
b) Tappeti – Moquette – Tappezzeria
c) Stoffe e materiali per l’arredamento

6. Edilizia

a) Impianti e macchinari per l’edilizia
b) Materiale da costruzioni
c) Serramenti – Igienico-sanitari – Idraulica

7. Imballaggi – Carta – Cartoni

a) Imballi in genere – Scatole da imballo – Carta – Cartoni
b) Macchine per imballo e confezione

8. prodotti chimici e materie plastiche

a) Vernici – Smalti – Saponi – Detergenti – Detersivi
b) Materie plastiche
c) Gomme e articoli tecnici

9. Calzature e Pelletteria

a) Calzature
b) Cuoio e Pellami
c) Pelletteria

10.Materie prime – Metalli – Legname

a) Materie prime in genere
b) Lamiere – Materiali ferrosi e non ferrosi – Metalli
c) Legname – Laminati – Colle

11.Meccanica e Macchinari

a) Meccanica in genere
b) Macchinari in genere e Apparecchi di sollevamento

12.Medicinali – Zootecnia – Ortopedia – Sanitari

a) Medicinali – Farmaceutici
b) Prodotti per la zootecnia
c) Strumenti chirurgici – Attrezzature ospedaliere. Apparecchi fisio-elettro-medicali – Articoli sanitari in genere

13.Profumeria – Cosmesi – Bigiotteria

14.Tessili

a) Abbigliamento – Confezioni – Pellicceria
b) Abbigliamento sportivo – Articoli sportivi – Campeggio
c) Maglieria – Merceria – Accessori per l’abbigliamento

15.Tessuti e filati

a) Lanerie – Drapperie
b) Sete – Cotoni – Stampati in genere
c) Filati in genere

16.Auto – Moto – Ciclo

a) Auto – Moto – Ciclo
b) Accessori e materiali relativi

17.Varie

a) Assicurazioni
b) Edizioni librarie
c) Filatelia – Numismatica
d) Prodotti per il giardinaggio
e) Oro – Argento – Oreficeria
f) Giocattoli
g) Ortofrutticoli – Fiori
h) Petroliferi – Combustibili – Lubrificanti
i) Pubblicità

Il Consiglio Direttivo può istituire altre categorie merceologiche e può nominare dei capigruppo
che cureranno gli interessi specifici del loro settore e potranno essere chiamati a
partecipare alle riunioni del Consiglio con solo voto consultivo.

Art. 3

Ogni socio riceverà all’atto dell’iscrizione copia dello Statuto e del Regolamento, nonché
una tessera personale.
Sarà tenuto al corrente dell’attività svolta dall’Associazione tramite un “Notiziario” od
altri mezzi di diffusione.
Beneficerà delle pubblicazioni che l’Associazione elaborerà per i propri iscritti riguardanti
gli interessi socio-economici della categoria.
Potrà partecipare a tutte le attività dell’Associazione nonché far pervenire suggerimenti,
proposte, ecc.

Art. 4

I Soci hanno l’obbligo di uniformarsi alle deliberazioni di carattere morale, economico e
sindacale prese dagli organi dell’Associazione.

Art. 5

La qualifica di Socio si perde:
a) Per dimissioni: la richiesta deve essere inviata almeno 30 giorni prima della scadenza
dell’anno solare con lettera raccomandata alla Segreteria dell’Associazione. Il
dimissionario è tenuto, comunque, al pagamento della quota sociale per l’anno in corso;
b) Per decadenza: quando il socio non adempie all’obbligo del pagamento della quota
annuale ed altri obblighi previsti dallo Statuto e dal Regolamento o che sia stato
cancellato dal Ruolo; il Socio decaduto può essere riammesso solo quando abbia
adempiuto agli obblighi contratti verso l’Associazione e previo pagamento delle quote
associative arretrate o quando sia stato riammesso nel Ruolo;
c) Per espulsione: quando il Socio con il suo comportamento abbia nuociuto al prestigio
dell’Associazione.

Art. 6

Le deliberazioni relative al precedente articolo 5, comma c, saranno prese dal Consiglio a
scrutinio segreto ed a maggioranza dei due terzi dei voti, previo ascolto dell’interessato.

Art. 7

Il Socio che per qualsiasi motivo cessa di far parte dell’Associazione non conserva alcun
diritto sul patrimonio sociale.

Art. 8

Per qualsiasi controversia o procedura legale nei confronti dei Soci è competente l Foro di
Milano.

Art. 9

Il Consiglio Direttivo viene eletto dall’Assemblea dei Soci mediante scheda personale
segreta.
Rimane in carica per la durata di 4 anni ed i suoi componenti possono essere rieletti.
A fine di garantire, nel limite del possibile, una equa rappresentatività nel Consiglio
Direttivo delle varie Categorie merceologiche, come stabilito dall’art. 7 dello Statuto, il
Consiglio Direttivo uscente proporrà all’Assemblea elettiva una lista di candidati che
tenga conto di tale esigenza associativa.

Art. 10

Nell’eventualità di decesso o dimissioni di qualche membro del Consiglio Direttivo, per la
durata del Consiglio Direttivo in carica, i posti vacanti verranno coperti dai Soci che in
graduatoria di votazione avranno ottenuto il maggior numero di voti.
I membri del Consiglio che non partecipano ai lavori del medesimo per tre convocazioni
consecutive senza giustificato motivo verranno considerati decaduti.

Art. 11

Il Consiglio Direttivo nella sua prima riunione delibererà se l’elezione del:
Presidente, Vice-Presidente Vicario, Vice-Presidente Organizzativo, formanti il Comitato
di Presidenza, debba avvenire a scrutinio segreto o per appello nominale.
La stessa modalità verrà deliberata per l’elezione della Giunta Esecutiva.

Art. 12

Le delibere del Consiglio e della Giunta avranno valore legale quando siano presenti
almeno la metà più uno dei componenti.
La maggioranza necessaria nelle votazioni è quelle semplice.

Art. 13

Tutte le cariche dei componenti i vari organi dell’Associazione sono gratuite. Saranno
invece riconosciute le spese vive sostenute purché preventivamente autorizzate dal
Presidente o da chi ne fa le veci.

Art. 14

Oltre a quanto già contemplato dai precedenti articoli al Consiglio Direttivo spetta lo
svolgimento di ogni azione resa necessaria per il conseguimento dei fini statutari e per
l’applicazione delle direttive tracciate dall’Assemblea.

Art. 15

La Giunta ha il compito di:
a) Curare il conseguimento dei fini statutari dell’Associazione in armonia con le delibere
del Consiglio e dell’Assemblea.
b) Predisporre ogni anno il bilancio preventivo e consuntivo.
c) Sovraintendere a tutti gli atti della gestione economica e finanziaria.
d) Prendere, infine, ogni altro provvedimento che non sia di competenza di altri organi e
che sia ad essa sottoposto dal Presidente.
In caso di urgenza la Giunta esercita tutti i poteri del Consiglio ed in tal caso la
deliberazione adottata deve essere ratificata dal Consiglio nella prima seduta.

Art. 16

Il Comitato di Presidenza ha il compito di collaborare con il Presidente nello studio ed
elaborazione dei programmi associativi e sociali da sottoporre ai competenti organi
dell’Associazione.

Art. 17

Il Presidente rappresenta l’Associazione, convoca e presiede il Consiglio Direttivo, la
Giunta ed il Comitato di Presidenza, dirige le discussioni e determina il modo delle
votazioni, firma col Segretario il verbale e gli atti sociali, sorveglia l’esatta osservanza
delle disposizioni statutarie e del Regolamento. Può prendere provvedimenti di urgenza e
li sottoporrà alla ratifica del Consiglio Direttivo nella sua prossima riunione. In caso di
assenza o di impedimento sarà sostituito dal Vice-Presidente Vicario o da uno dei Vice
Presidenti.

Art. 18

I Revisori dei Conti vengono eletti dall’Assemblea ed alla stessa dovranno relazionare
sulla gestione economica dell’Associazione. Hanno l’obbligo di controllare periodicamente
(non oltre una volta a trimestre) la contabilità redigendo apposito verbale.
Copia dei verbali verranno trasmessi al Consiglio Direttivo per opportuna conoscenza.
Parteciperanno alle riunioni del Consiglio Direttivo con voto consultivo.

Art. 19

I Soci sono convocati dal Consiglio Direttivo:
– In Assemblea Ordinaria una volta all’anno entro il primo semestre per l’approvazione:
a) del Bilancio consuntivo.
b) del Bilancio preventivo.
c) per la nomina delle cariche sociali alla loro scadenza.
d) per ogni altro provvedimento che sia portato all’ordine del giorno.
– In Assemblea Straordinaria ogni qualvolta il Consiglio Direttivo lo ritenga opportuno.
Le Assemblea straordinarie possono anche essere convocate su richiesta di almeno un
terzo dei Soci; lo stesso numero è necessario se all’ordine del giorno figura la modifica
dello Statuto sociale. In caso invece di proposta di scioglimento dell’Associazione, la
domanda di convocazione di Assemblea straordinaria deve essere firmata da almeno la
metà dei soci.
Le convocazioni delle Assemblee sono fatte mediante inviti personali diramati almeno
dieci giorni prima di quello fissato per la convocazione.
In caso di urgenza e facoltà del Consiglio Direttivo di convocare le Assemblee nel termine
di tre giorni.

Art. 20

L’Assemblea è valida in prima convocazione con l’intervento di almeno metà dei Soci
iscritti.
In seconda convocazione essa sarà valida con qualsiasi numero di interventi.

Art. 21

Alle Assemblee possono prendere parte soltanto i Soci in regola col pagamento della
quota sociale.

Art. 22

Il Socio assente può delegare per iscritto un altro Socio a rappresentarlo nelle Assemblee
Ordinarie. È ammessa solo una delega per Socio.

Art. 23

Le votazioni nelle Assemblee hanno luogo per alzata di mano.
Per la nomina di cariche sociali e per lo scioglimento dell’Associazione le votazioni hanno
luogo a mezzo di scheda segreta.